giovedì 2 gennaio 2014

Beauty Italia: export al galoppo, mercato interno sofferente

Produzione in crescita del 3% a 9,3 miliardi di euro, export al galoppo (+12% a 3,2 miliardi), mercato interno in frenata. Leggera per alcuni canali, pesante per altri. Sono le cifre della rilevazione congiunturale di fine anno messe a punto dal Centro studi di Cosmetica Italia guidata da Fabio Rossello. I dati si riferiscono ai preconsuntivi del secondo semestre 2013 e alle previsioni per il primo semestre 2014 del settore beauty in Italia. Ma vediamo come è andata.
Fabio Rossello, alla guida di Cosmetica Italia, parte di Confindustria
A fine 2013 il valore dei cosmetici acquistati in Italia ha toccato i 9,4 miliardi di euro con una contrazione di poco più di un punto percentuale (-1,3%). Le proiezioni per il 2014 sono improntate a un'ulteriore limata dei consumi, che dovrebbero ripartire verso la seconda metà dell’anno. A soffrire la crisi sono i saloni professionali di acconciatura, in discesa dell'8% a 590 milioni di euro. Le previsioni, però, sono ottimiste: si stima una riduzione al -4% del tasso negativo nei primi sei mesi del 2014. Anche i centri estetici soffrono: il canale, che vale poco più di 240 milioni di euro, registra un -4% (-5% la stima per il 2014).
Profumeria ancora in difficoltà: -3,9% il secondo semestre 2013
Per un valore totale di 2,1 miliardi di euro, la profumeria registra la più pesante contrazione tra i canali tradizionali: il secondo semestre del 2013 porta a un calo del 3,9%, seguito da una previsione in flessione per il primo semestre del nuovo anno del 3%.
Le farmacie hanno ricominciato a crescere
Riprendono, dopo alcuni trimestri di difficoltà, le farmacie: il 2013 chiude a +1%, per un valore vicino a 1,8 miliardi di euro. Anche le erboristerie continuano a crescere. Il +2% di fine 2013 permette di raggiungere i 400 milioni di euro, a testimonianza dell'interesse verso i prodotti naturali.

La grande distribuzione (+0,5%) è sostenuta dalle vendite nei mass specializzati e nelle nuove insegne monomarca per un valore globale di 4 miliardi di euro. Si tratta del maggiore canale di vendita per questa categoria di prodotto. I contoterzisti, infine, salgono del 4% a fine anno e del 5% nelle previsioni per il primo semestre del 2014.

3 commenti:

  1. Dei dati poco incoraggianti.. ma speriamo che questo nuovo anno possa essere migliore, in barba alle previsioni :)

    Felice anno!

    The Lunch Girls

    RispondiElimina
  2. Interessante scoprire che le erboristerie hanno avuto un aumento, vuol dire che le persone guardano molto al naturale, anche se non sempre gli ingredienti sono effettivamente bio-eco. Io comunque continuo a preferire i prodotti di profumeria, che sono molto più performanti!

    RispondiElimina
  3. purtroppo in tempi di crisi si risparmia su quello che viene considerato superfluo...è innegabile che abbiamo tutti modificato in qualche modo le nostre abitudini di acquisto, in ogni campo

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...