martedì 7 maggio 2013

Arriva Clarisonic. Sarà l’iPhone della bellezza?




Clarisonic

Clarisonic è uno strumento innovativo che pulisce a fondo la pelle del viso e del corpo da make up, sebo e dall’inquinamento come nessun prodotto riesce a fare in soli 60 secondi. Prepara l’epidermide in maniera ottimale ai trattamenti cosmetici successivi. Coperto da 45 brevetti, è diventato un fenomeno negli Stati Uniti, dove esiste sul mercato da dieci anni. Il successo è stato tale che nel 2011 il colosso francese L’Oreal ha acquisito la società e ha iniziato a lanciare il prodotto in Francia. Anche qui con ottimi risultati. A partire da giugno sarà venduto in Italia e nel resto dell’Europa. La scommessa di L’Oreal è che diventi l’iPhone della bellezza, uno strumento innovativo che cambierà il mercato. 

I diversi modelli con le testine per il viso e il corpo
Ma è possibile? Direi di sì, Clarisonic ha tutte le carte in regola per modificare le abitudini di donne e uomini in Italia. Che cos’è, in concreto e come funziona? E’ un dispositivo ergonomico molto solido nato nel 2001 dalla mente di alcuni ingegneri di Seattle, David Giuliani e Ken Pilcher, che all’epoca lavoravano per Sonicare, società specializzata nella cura dei denti. Stavano studiando un dispositivo che pulisse a fondo i denti senza irritare le gengive, anche in pazienti delicati.  Pensavano di sfruttare l’innovativa tecnologia sonica, che si contrappone al classico movimento a rotazione. Dopo tre anni di ricerca è nato invece Clarisonic, oggi molto amato dai dermatologi americani e vincitore di diversi beauty awards nel mondo. Le spazzole delle testine si muovono in senso laterale realizzando 300 oscillazioni al secondo, misura perfetta, secondo gli ingegneri ideatori, per pulire a fondo la pelle del viso in maniera delicata e senza effetti esfolianti. Basta immergere la testina in acqua e aggiungere il prodotto di pulizia preferito (adatti soprattutto creme e olii).
 
Robb Akridge, Vice presidente della ricerca clinica di Clarisonic
Funziona? Dopo aver provato Clarisonic per due mesi tutti i giorni posso dire che gli effetti sono immediati. Basta usarlo una volta sola secondo il protocollo (20 secondi per la fronte, 20 per naso e mento, 10 per ciascuna guancia, un segnale sonoro detta il ritmo senza dover contare mentalmente) e se ne vede l’efficacia: la pelle pare diversa, molto più liscia e luminosa. Un giorno ho messo alla prova l’apparecchio effettuando prima una classica pulizia del viso con un olio di ottima qualità. Poi ho usato Clarisonic: le testine, dopo il lavoro, erano grigie… A significare quanto era ancora sporca la mia pelle.
 
La gamma delle testine, adatte sia alle pelli normali che delicate e con pori dilatati
Non contenta di questo, ho interpellato una mattina Jane Iredale, make up artist americana che trent’anni fa fondò il suo brand omonimo specializzato in cosmetica minerale e molto attenta alla pulizia della pelle. Era a Milano per interviste. “Anch’io uso Clarisonic da tempo”,  ha commentato sorridendo, “ e conosco bene chi l’ha creato, una grande mente”.
Iredale non è l’unica. Una fila di star è addicted a Clarisonic: Gisele Bundchen, Gwyneth Paltrow, Hilary Swank, Jessica Alba, Leighton Meester, Naomi Watts, Kate Moss e Natalie Portman. Oltre a Tom Ford, Christian Louboutin e Jake Gyllenhaal.

Le setole delle testine sono particolari: vengono realizzate in filamento DuPont® Hytrel™ Super Soft, una fibra più elastica e flessibile rispetto al nylon. Inoltre assorbe umidità sei volte meno rispetto alle fibre classiche, il che consente tempi di asciugatura più brevi e le setole mantengono tutta la loro naturale elasticità. Un ulteriore vantaggio di questo materiale è la sua  resistenza ai batteri. Dopo tre mesi di uso quotidiano vanno sostituite.

Cambierei qualcosa? Se ci fosse un modello 2.0 sarebbe interessante prevedere un paio di correzioni: per esempio ridurre la ricarica dello strumento da 24 a 12 ore (una volta recharged, dura un mese, non è poco). In secondo luogo cercherei di prevedere 10 secondi in più per la zona del mento dove si sfumano fondotinta e terre abbronzanti.

Clarisonic sarà in vendita a partire da giugno in esclusiva da Sephora e sul sito www.clarisonic.it. I modelli disponibili sono tre: uno base, da portare in viaggio, per il viso (Clarisonic Mia 2), la versione viso+corpo (Clarisonic Plus) e quella per il canale professionale della medicina estetica (Clarisonic Pro). In dotazione, la testina Sensitive per tutti i tipi di pelle. Esistono anche quelle per visi delicati e per pori dilatati, oltre alle setole per il corpo.

Clarisonic Mia 2 costa 149 euro; Clarisonic Plus 225 euro; le testine, 25 euro l’una.

13 commenti:

  1. Io oramai sono due anni che lo utilizzo mi trovo molto bene ❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un ottimo investimento a lungo termine :)

      Elimina
  2. Grazie per le info molto utili

    RispondiElimina
  3. Ho comprato la versione base a Londra due anni fa e mi trovo benissimo. Adesso mi piacerebbe passare a Plus.

    RispondiElimina
  4. Magari quando faranno il lancio a giugno ci saranno promozioni interessanti...

    RispondiElimina
  5. Clarisonic che invenzione bellissima, devo assolutamente averla questa spazzola !

    RispondiElimina
  6. Interessante grazie per avermi fatto conoscere, ciao...

    RispondiElimina
  7. Mai usato non lo conoscevo thanks per le info...

    RispondiElimina
  8. Caspita... voglio provarlo anche io :)

    RispondiElimina
  9. Mi piacerebbe provarlo, il prodotto è interessante e poi ne sento parlare sempre molto bene da tutte. Trovo però che il prezzo sia esagerato, specialmente considerando che il target di mercato è spesso rappresentato da studentesse o ragazze che magari hanno difficoltà a spendere una cifra simile. Ma questo discorso vale per tanti altri prodotti il cui prezzo di vendita è spesso gravato da fattori che nulla hanno a che vedere per esempio con il costo del prodotto...ma questo discorso è vecchio come il cuccò:):)

    Complimenti Elena per la tua recensione, sempre molto dettagliata e attenta :):) e scusate se magari la mia risposta ha una vena di polemica...ma è solo una osservazione :)

    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricerche e brevetti hanno un costo che si ripercuote sul prezzo finale del prodotto. Però gli acquirenti possono sempre sperare in sconti e promozioni, magari se acquistano online. Oppure puoi inserirlo nella tua wishlist per un bel regalo... Pensa solo quanto costa l'iPhone!

      Elimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...